Search
La Ferrari più bistrattata della Storia - Superpista
fade
781
post-template-default,single,single-post,postid-781,single-format-standard,theme-averly,cookies-not-set,eltd-core-1.3,woocommerce-no-js,averly child-child-ver-1.0.1,averly-ver-1.7,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-disable-sidemenu-area-opener,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

La Ferrari più bistrattata della Storia

La Ferrari più bistrattata della Storia, dopo l’inguardabile Dino disegnata da Bertone per quelli che non ce la facevano, è lei: la 365 GTC4.

In questo periodo, la Ferrari compie 70 anni, e a me piacciono quelle che gli altri snobbano.
Non è snobismo al contrario, e nemmeno bastiancontraresimo o sindrome di Bastianich.

È sempre stato così, per me.

Nel 1993 mi esaltai, quando vidi la 456 GT.
Tutti gli altri, invece, guardavano alla 512 TR o alla 348, che poi è una sorta di Alfa 155 del Cavallino, se si pensa a cosa andasse a sostituire.

Come fai a sostituire la 308 con la 348?
Stai bene?

Comunque la 365 GTC4, disegnata da Pininfarina in un momento in cui il mio omonimo doveva essere uscito a far la spesa con l’autista, perché altrimenti non c’è spiegazione per un’anomalia simile, ha molto da dire.
A partire dall’aerodinamica.

Non basta un post su IG, e infatti mi metterò a scrivere qualcosa di molto più dettagliato per Ultramobile, visto che siamo agli sgoccioli, come diceva Mike Bongiorno, e sta per arrivare online.
“E se non tutto, e se non tutto, almeno l’inizio”. Forse, se all’inizio degli anni ’70 non ci fosse stata la crisi petrolifera, a quest’ora ci sarebbero meno perle rare.

Pensandoci bene, il giorno in cui l’hanno disegnata, Pininfarina non c’era.
Avevano tutti altro da fare.

Nessuno si è accorto di lei, a parte 508 giusti.
Sempre che, dei 508 esemplari, tutti siano stati effettivamente venduti.

Enzo Bollani

Enzo Bollani

enzo.bollani@superpista.it

Enzo Bollani nasce a Milano in una sera di maggio del 1981, quindi può definirsi un Youngtimer. Progettista, Musicista e organizzatore, ha esordito nel 1997 nel mondo della Televisione e della Discografia, lavorando principalmente in Rai e con artisti del calibro di Adriano Celentano, Lucio Dalla e David Bowie. Avrebbe voluto essere Architetto a tutti gli effetti, ma al momento disegna biciclette. Opera principalmente a Milano, ma è costantemente in movimento. Ha inventato questo simpatico sito, oltretutto.

Follow: