Search
Alfa 156: una delle rinascite cicliche dell’Alfa Romeo. - Superpista
fade
1107
post-template-default,single,single-post,postid-1107,single-format-standard,theme-averly,cookies-not-set,eltd-core-1.3,woocommerce-no-js,averly child-child-ver-1.0.1,averly-ver-1.7,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-disable-sidemenu-area-opener,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Alfa 156: una delle rinascite cicliche dell’Alfa Romeo.

Indubbiamente, l’automobile più riuscita di tutto il 1997, seguita solo dalla Golf IV, unica reinterpretazione veramente fedele all’originale, di Giugiaro. Walter De Silva, per ironia della sorte e soprattutto per la proverbiale pessima gestione FIAT, perpetrata anche su Luca De Meo, progettò questo capolavoro, che divenne inevutabilmente un best seller, facendo registrare fin dall’esordio numeri di vendita eccellenti e risollevando le sorti della Casa del Biscione, almeno per qualche anno.

La 156, pur sfruttando il plurisfruttato pianale Tipo, viene considerata una vera Alfa, a ragion veduta.

Nonostante la trazione anteriore, la 156 riusciva ad emozionare, alla guida, grazie alle sospensioni a quadrilateri alti all’avantreno e il Mc Pherson al posteriore (soluzione molto fuori dagli schemi), che garantivano forte tenuta in curva, con angoli di rollio contenuti.

La cura nella scelta dei materiali di produzione è stata degna del Marchio, introducendo novità assolute.

La 156, infatti, è stata la prima berlina a grande tiratura ad utilizzare il magnesio in alcuni inserti: plancia, telaio sedili, sterzo.

Questa scelta, rese molto leggera la vettura. Scelta lontana da quella usata per la sua sostituta: la 159. Auto dell’Anno 1998, rimase in produzione fino al 2005, subendo un inutile restyling, alla fine del 2002, volto a spersonalizzare frontale e posteriore, nonostante fosse firmato da Giugiaro. Sicuramente, la perfezione delle linee di De Silva, non si sarebbe mai dovuta toccare, mentre la stessa sorte toccò alla 147, con risultati leggermente migliori.

Oggi, è il caso di puntare su una prima serie, e aspettare che la Storia le dia il valore che merita.

Enzo Bollani | Paradiso, 29 gennaio 2019

Enzo Bollani

enzo.bollani@superpista.it

Enzo Bollani nasce a Milano in una sera di maggio del 1981, quindi può definirsi un Youngtimer. Progettista, Musicista e organizzatore, ha esordito nel 1997 nel mondo della Televisione e della Discografia, lavorando principalmente in Rai e con artisti del calibro di Adriano Celentano, Lucio Dalla e David Bowie. Avrebbe voluto essere Architetto a tutti gli effetti, ma al momento disegna biciclette. Opera principalmente a Milano, ma è costantemente in movimento. Ha inventato questo simpatico sito, oltretutto.

Follow: