Search
Ciclismo e Renault 14: il primo meeting dedicato alla famosa "pera". - Superpista
fade
1252
post-template-default,single,single-post,postid-1252,single-format-standard,theme-averly,cookies-not-set,eltd-core-1.3,woocommerce-no-js,averly child-child-ver-1.0.1,averly-ver-1.7,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-disable-sidemenu-area-opener,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Ciclismo e Renault 14: il primo meeting dedicato alla famosa “pera”.

Va in scena un appuntamento anomalo, per “il Venerdì del Sarto”, evento di culto sul Lago di Como, organizzato da Bollani Biciclette e Sartoria Ciclistica.

Non si è mai visto, dal 1976 ad oggi, un meeting che tenesse conto dell’esistenza della Renault 14.
Snobbata dalla critica, comprata per automatismo quasi soltanto da una clientela fidelizzata Renault, la R14 è stata una vera innovazione, sul piano stilistico.
 
Sarebbe giunta ora, quindi, di rendere giustizia a questa compatta, ormai quasi scomparsa del tutto dalle nostre strade, quanto dalle strade d’Oltralpe. 
 
A seguire, il comunicato stampa dell’evento:
 
 
19 aprile 2019, torna l’appuntamento con “Il Venerdì del Sarto”.
 
Per la prima volta, a ridosso del 45esimo anniversario dal lancio ufficiale, avvenuto nel gennaio 1976, un evento italiano celebra la Renault 14, una delle più controverse berline della Storia automobilistica europea.
 
Troppo avanti per l’epoca, con elementi stilistici in anticipo di un decennio rispetto alla concorrenza e alla Golf, già riferimento del segmento, la R14 fu un successo non riconosciuto.
Persino in Francia, dove Renault rappresenta qualcosa di più di un semplice Marchio automobilistico, la R14 fu guardata con interesse e assoluto distacco, al tempo stesso.
 
Per certi versi, la R14 fu un esperimento pari a quello compiuto per la Twingo, nel 1992, con la differenza di essere posizionata in un segmento superiore, come il Segmento C, ossia quello delle berline compatte, e di avere conseguentemente prezzi più alti.
 
Tuttavia, è innegabile il fatto che questa francese sia un simbolo degli anni ’70, della sperimentazione stilistica, dell’arguzia del Disegno Industriale, così come è innegabile l’originalità della campagna di lancio, che la paragonava a una pera.
 
Non si è mai visto, né prima, né dopo, un claim così assurdo e artisticamente ineccepibile, osè, traducibile in questi termini: “La berlina a forma di pera”.
In effetti, la silhouette ricordava da vicino le linee di una pera, ma forse non fu il massimo pubblicizzarla così, in un decennio in cui la pera significava qualcos’altro.
Ma tant’è, gli anni Settanta sono belli proprio per le loro assurdità e contraddizioni.
 
Ed è partendo dalla famoso frutto meno proibito della mela che, questa volta, visto anche il clima finalmente mite, invitiamo i ciclisti a scendere dal pero, e a tirar fuori le loro perle migliori.
 
A proposito di perle: ringraziamo Cédric Billequé e Anthony Schreyer, autori dell’unico sito dedicato alla pera con le ruote, per le informazioni e per la qualità iconografica e bibliografica: Renault-14.net
 
 
Presto, su Ultramobile.tv, vi mostreremo una delle rarissime Renault 14 rimaste in circolazione, in Italia.
Quindi, scatterà la saga. Non soltanto mentale.
 
 
IL VENERDI DEL SARTO: un appuntamento di culto.
 
“Il Venerdì del Sarto” è un nuovo ciclo di incontri a tema ciclistico e letterario, cinematografico e fotografico, in cui l’Arte si fonderà al dinamismo della Bicicletta, alle imprese ciclistiche più epiche della Storia e alla passione di ognuno di noi.
 
“Il Venerdì del Sarto” si basa anche su un raduno ciclistico, aperto a tutti, gratuitamente, nello spazio antistante il civico 7 di via Pretorio, sede di Sartoria Ciclistica.
Le biciclette che parteciperanno all’evento, con i loro proprietari, saranno selezionate e premiate dalla giuria, sia online, sia in loco, in base a criteri di originalità e conservazione, o in termini di ricerca stilistica.
Un occhio di riguardo alle storiche, alle fixed e alle nuove tendenze, unite dal Design, quasi sempre dall’essere Made in Italy, e dalla qualità di costruzione.
 
Le biciclette e i partecipanti all’evento, potranno farsi votare via social, sia su Instagram, sia su Facebook.
Il partecipante che otterrà il maggior numero di like riceverà un bonus pack firmato Ultramobile.tv, a tema ciclistico.
 
Per informazioni e prenotazioni: +39 389 450 80 93
 
enzo@bollanibiciclette.it
 
 
 
La Redazione 
 
 
 
 
 
 


Enzo Bollani

enzo.bollani@superpista.it

Enzo Bollani nasce a Milano in una sera di maggio del 1981, quindi può definirsi un Youngtimer. Progettista, Musicista e organizzatore, ha esordito nel 1997 nel mondo della Televisione e della Discografia, lavorando principalmente in Rai e con artisti del calibro di Adriano Celentano, Lucio Dalla e David Bowie. Avrebbe voluto essere Architetto a tutti gli effetti, ma al momento disegna biciclette. Opera principalmente a Milano, ma è costantemente in movimento. Ha inventato questo simpatico sito, oltretutto.

Follow: