Search
Milli Vanilli: duo fake, successo vero. - Superpista
fade
7356
post-template-default,single,single-post,postid-7356,single-format-standard,theme-averly,cookies-not-set,eltd-core-1.3,woocommerce-no-js,averly child-child-ver-1.0.1,averly-ver-1.7,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-disable-sidemenu-area-opener,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Milli Vanilli: duo fake, successo vero.


Dopo aver parlato di astri musicali quali Falco e gli “Zapp”, oggi si parla di meteore: i Milli Vanilli; roba che Francesco Renaldini, curatore del progetto “bella musica sto cazzo” (da seguire su instagram: bellamusicastocazzo), non può lasciarsi passare sotto gamba.

Il progetto “Milli Vanilli” aveva a capo il produttore discografico tedesco Frank Farias, al quale hanno prestato le loro voci i cantanti Charles Shaw, John Davis, Brad Howell e delle gemelle Linda e Jodie Rocco, i quali, a livello d’estetica, non erano presentabili a livello commerciale.


A prestare il volto (oltre ad un’altra cosa) a questo progetto furono i ballerini e modelli Robert “Rob” Pilatus e Fabrice “Fab” Morvan, i quali hanno firmato ingenuamente al contratto ignari di ciò che sarebbe successo negli anni seguenti.


Nel 1988 esce il pezzo più famoso del “duo”: Girl you know it’s true. Il pezzo, tutto sommato, suonava abbastanza bene, il video era ben curato, così come le coreografie e il vestiario (sul quale i due modelli avevano fissato le loro attenzioni); ragion per cui l’Album d’esordio “All or nothing” (venduto negli States come “Girl you know it’s true” ha ricevuto un grammy nel 1989, oltre a essere stato nel 1990 ben sei volte disco di platino.


Sempre nel 1989, sorgono sospetti riguardo le voci dei due modelli: durante un live, il nastro si inceppa su “girl-you-know-it’s” per un minuto abbondante, creando un clima abbastanza cringe.


Nel 1990, i due modelli impongono al produttore Farias di voler essere presenti nell’album seguente; ma lui decide di rompere il silenzio e di svelare al mondo cosa si nascondesse dietro il progetto. Per questo, partirono una serie di cause contro Morvan, Pilatus e l’Arista Records, la casa discografica con la quale i due modelli avevano sottoscritto il contratto.


Dopo lo scandalo, i due frontman dei Milli Vannilli decisero di distaccarsi da questo nome, presentando il loro album successivo “Moment of Truth”, diventando così “Rob & Fab” senza riscuotere il successo precedente, ragione per cui il duo si sciolse definitivamente.
Rob Pilatus, differentemente da Morvan, che decise di lavorare in un fast food McDonald’s e in una radio, ha incominciato a drogarsi e a compiere azioni delittuose (finendo addirittura in carcere per rapina e furto d’auto) fino all’aprile del 1998, anno in cui venne rinvenuto privo di vita, a causa di un’overdose, in un albergo a Francoforte sul Meno.

Domenico Arcudi. Campo Calabro, 20 agosto 2019.

Domenico Arcudi

domenico.arcudi@superpista.it

Classe 1995, vive a Reggio Calabria, attualmente è specializzando in programmazione e gestione delle politiche sociali. Laureato in scienze sociali, Arcudi gestisce attualmente un "think tank virtuale" denominato "a clockwork bergamot", incentrato su una rivalutazione della Calabria.

Follow: