Search
Se è una Lancia, non vale. - Superpista
fade
7429
post-template-default,single,single-post,postid-7429,single-format-standard,theme-averly,cookies-not-set,eltd-core-1.3,woocommerce-no-js,averly child-child-ver-1.0.1,averly-ver-1.7,eltd-smooth-scroll,eltd-smooth-page-transitions,eltd-mimic-ajax,eltd-grid-1200,eltd-blog-installed,eltd-main-style1,eltd-disable-fullscreen-menu-opener,eltd-header-standard,eltd-sticky-header-on-scroll-down-up,eltd-default-mobile-header,eltd-sticky-up-mobile-header,eltd-dropdown-default,eltd-,eltd-fullscreen-search eltd-search-fade,eltd-disable-sidemenu-area-opener,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive

Se è una Lancia, non vale.


Innanzitutto una precisazione: da buoni appassionati di auto, adoriamo le Alfa Romeo.

L’Alfasud, soprattutto, era un progetto avanti di dieci anni almeno rispetto alla concorrenza: oltre ad inventare letteralmente il concetto di media a due volumi (con tanto di tributo al museo di Wolfsburg), vantava una tecnica raffinatissima, uno studio dello spazio interno accurato e delle prestazioni stradali da primatista assoluta.

Il punto però è un altro: possibile che al giusto amore degli appassionati per le Alfa – con conseguenti e talvolta folli rialzi delle quotazioni – si contrapponga una persistente svalutazione delle Lancia?

La Beta HPE è un modello che può definirsi una scommessa vinta, pur essendo un modello di nicchia (se non di élite, basti vedere il primo depliant originale per capire la fascia d’utenza a cui era destinata). Non avrà fatto “la storia” e non potrà vantare palmares sportivi, ma la sua ultradecennale produzione, nonostante l’originalità del concept “coupé giardinetta” e il difficile contesto storico durante il quale fu lanciata, è cosa assolutamente rimarchevole.

È assurdo che gli appassionati snobbino un modello tanto originale, versatile e prestazionale ancora oggi, accuratamente costruito – rischio ruggine a parte, vabbè. Cosa che, probabilmente, non sarebbe scambiata per un difetto se, sulla mascherina, ci fosse il marchio Alfa.

Forse i nostri “collezionisti” aspettano che gli stranieri comincino a portarsele via con le bisarche, come da tempo succede per le Alfa classiche, con conseguente impennata dei prezzi. Forse, a quel punto, tutti si ritroveranno miracolosamente ed improvvisamente lancisti.

Antonio Cabras. Sorso, 6 settembre 2019.

Antonio Cabras

antonio.cabras@superpista.it

Nasce a Sassari nel 1980 e subito dopo gli viene diagnosticato l’autismo. Ma fraintende, e così comincia a disegnare automobili a tutto spiano dimenticandosi di imparare a parlare. Laureatosi per sbaglio in giurisprudenza, capisce appena in tempo che è meglio essere ricordati per una vignetta sulla Fiat Duna che non per una causa rovinosamente persa.

Follow: